Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più

APPROVO

TORNA AL BLOG

5 piatti di grandi chef da abbinare alle linee Amarcord

03/02/2017

5 piatti di grandi chef da abbinare alle linee Amarcord


La birra è talvolta vista, nel settore gastronomico, come "una bevanda" da accompagnare ad ottimo street food: ad una piadina, ad una pizza, ad un fritto di pesce in riva al mare.

Ma la birra è anche più di questo, le birre Amarcord, in particolar modo, possono accompagnare qualsiasi tipologia di gastronomia, dallo street food all'alta cucina. L'importante è essere curiosi e conoscere le differenti tipologie di birre e di sapori del piatto da accostare, in modo da accompagnare al meglio la vostra cena.

Nel Settembre del 2016 abbiamo partecipato al Festival della Cucina Italiana di Cesenatico dove, street food ed alta cucina hanno regnato, l'uno quanto l'altro. È stata un'ottima occasione per noi di far degustare la nostra gamma accanto a cibi street food e accanto a cibi di grandi chef stellati.

Ecco per voi una selezione di piatti di alta cucina e come li abbiamo abbinati, sperando che questi abbinamenti possano ispirare i vostri!


Gregorio Grippo de La Buca, il Ristorante di Cesenatico
Carpaccio di ricciola, artemisia, salsa tonnata alla mandorla e riso croccante.
In abbinamento, la Riserva Speciale.

Il potere ed il sapore intenso della materia prima "nuda e cruda", leggermente e sapientemente lavorata, contrastata dal sapore aspro dell'artemisia e dal carattere croccante aggiunto dalla mandorla e dal riso. In questo caso l'elegante Riserva Speciale, con le sue sensazioni fruttate e speziate, andrà a "giocare" con l'essenzialità di questo piatto.


Riccardo Agostini del Ristorante Il Piastrino di Pennabilli
Passatello in zuppetta di cozze alla marinara.
In abbinamento, la Riserva Speciale.

Un piatto che parla romagnolo. Il passatello, uno dei cavalli di battaglia tra le paste fresche romagnole, non deve essere né troppo "molle" (si sfalderebbe durante la cottura) né troppo duro. La zuppetta di cozze alla marinara, semplice in apparenza ma dall'intenso gusto di mare grazie anche al brodetto spesso preparato con pomodoro e prezzemolo croccante. Anche a questo piatto abbiamo abbinato una Riserva Speciale che è andata a coccolare il palato tra un boccone e l'altro.


Aversa Giuseppe del Ristorante Il Buco di Sorrento
Mesca francesca con erbe da taglio e frutti di mare.
In abbinamento, la Gradisca.

La mesca francesca è un tipo di pasta misto che lo Chef Aversa Giuseppe ha preparato in modo semplice ma strutturato, con l'intensità dei frutti di mare e la freschezza di erbe da taglio, stagionali ed aromatiche. Abbiamo voluto affiancare questo grande piatto dai sapori napoletani alla Gradisca, la nostra lager dal palato pulito, fresco e moderatamente amaro, elementi che non andranno a sovraccaricare l'intensità dei frutti di mare.


Enrico Cosentino
Scialatielli d'autore con pomodorini e basilico, pioggia di cacio e pepe.
In abbinamento, la Midòna.

Gli scialatielli sono una pasta fresca tipica della Costiera Amalfitana ed è anche il cavallo di battaglia dello Chef Enrico Cosentino che li presenta in modo apparentemente semplice ma che al palato sono intensi e deliziosi grazie anche alla materia prima di altissima qualità scelta dallo Chef. In abbinamento la Midòna, che, con le sue note erbacee e speziate, è andata a rinfrescare il palato.


Maurizio Urso della Terrazza sul Mare di Siracusa
Cremoso al caffè e anice stellato su crumble di mandorla e pistacchio, salsa inglese alla liquirizia.
In abbinamento, la Ama Mora.

Con questo abbinamento siamo andati molto per assonanza di ingredienti, soprattutto per quanto riguardava il caffè e la liquirizia. A volte, abbinando una birra per assonanza di ingredienti si può rischiare di "stancare" il palato, in questo caso però l'accompagnamento è stato vincente grazie anche al crumble di mandorla e pistacchio.





SCRITTO DA:

Silvia

Mi occupo di Social Media e fotografia per Birra Amarcord. Per poche ore sarei potuta (letteralmente) nascere nella cucina del ristorante dei miei genitori. A cinque anni, per tenermi occupata nel ristorante di famiglia, mi hanno messo in mano una Polaroid e da allora non ho smesso di fotografare. Food hunter & Ama Mora lover.


1